Lontano dal paese silenzioso

di C.S. Lewis

Traduzione di Germana Cantoni De Rossi, Adelphi, 2001 (prima edizione inglese 1938)

Il sempre attuale Lewis, il grande amico di Tolkien.

Fantascienza anni Trenta, quando la realtà poteva essere descritta solo parlando di un altro pianeta.

Un romanzo di fantascienza anni ’30, un’avventura a cui il povero professor Ramson è costretto da due loschi figuri, Weston e Devine, che lo portano sul pianeta Malacandra, dove vogliono consegnarlo al capo del pianeta, sperando di tornare sulla Terra carichi d’oro.

In un paesaggio di colori, luci e suoni meravigliosi e diversi, dove convivono creature intelligenti appartenenti a specie differenti, Ramson apprende molte cose sugli uomini e la loro sorte, sullo spazio, sull’universo e su chi lo governa.

Negli anni Trenta, quando ancora la teoria dello spazio quantistico non era stata esplicitamente formulata, il sorn, una delle creature di Malacandra immaginate da Lewis, spiega al visitatore terrestre: “Se il movimento divenisse ancora più rapido (…) l’oggetto che si muove sarebbe in ogni luogo nello stesso momento”, “perché i mondi, sono in realtà luoghi del cielo”. Ecco perché i corpi degli eldila, esseri meravigliosi di questo pianeta, possono essere rapidissimi, attraversare altri corpi, e manifestarsi solo come punti di luce.

Il sorn racconta a Ramson, che tutti i mondi sono comandati da un Oyarsa che conduce i popoli verso Maleldil, di cui tutti gli hnau, le creature intelligenti, sono immagine. Solo sulla terra, il pianeta silenzioso, c’è il male e la guerra, non perché non c’è un Oyarsa, ma perché ognuno vuole essere Oyarsa.

E quando infine Weston giunge da Oyarsa, costui gli dice: “Il signore del mondo silenzioso ti ha corrotto”. Gli spiega che egli ha distorto l’amore per i simili in una follia: l’amore per l’umanità, tradotto nel diritto della vita e della sua “forza” a giustificare la trasgressione di tutte le leggi naturali, come la pietà, l’onestà.

In un momento storico, in cui nuove “Umanità” nascevano, e in nome dell’uomo nuovo calpestavano la dignità dei singoli e dei piccoli, Lewis mostra un altro mondo, dove creature intelligenti, ma diverse tra loro, appartenenti a specie differenti, vivono insieme.

Il romanzo ambientato su un altro pianeta, mostra, in realtà i vizi che si celano nella società del nostro, dietro le grandi parole degli ultimi due secoli: la vita, l’Umanità, la Forza. E segna però anche una traiettoria, la possibilità che se anche Malacandra non esiste realmente, il semplice immaginarlo illumina il nostro pianeta e ci indica come siamo caduti nella “distorsione” e, forse  persino, una strada per uscirne.

Pubblicato da Ninetta Pierangeli

Libri per bambini e per grandi. Favole e racconti gratis pe tutti! Da leggere o ascoltare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: